Occorrono anni
per passare da un’agricoltura basata sulla forza delle reazioni
ad una fondata sull’armonia delle relazioni

 

La stessa armonia che la pianta fissa nel frutto
come un ricordo del suo rapporto col mondo
in cui non esiste una varietà o un territorio migliore
perché in natura non esistono ingiustizie

 

Realizzo il mio mondo nel vigneto
per ritrovare il senso della mia stessa origine
con l’armonia e la bellezza
non la produzione

 

Nessuna potatura
perché non voglio ferire le piante

 

Nessun concime
perché la purezza della terra è la base della purezza dei frutti

 

Nessun diradamento
perché le piante sanno quello che fanno

 

Nessun trattamento
perché la malattia è solo un riflesso della mia stessa coscienza